Orario:

Lun 9.00 - 12.00 / 15.00 - 19.00 .......................Mercoledì - intera giornata e Sabato mattina: Per appuntamento

Mar 9.00 - 12.00 / 15.00 - 19.00 ...........................................................

Gio 9.00 - 12.00 / 15.00 - 19.00

Ven 9.00 - 12.00 / 15.00 - 19.00

 

 

La vaccinazione è la base della salute del cane e del gatto, perché ci sono numerose malattie dalle quali essi possono essere protetti. Le vaccinazioni si fanno solitamente per due motivi; o perchè le patologie verso le quali si vaccina hanno un tasso di mortalità molto alto, oppure perchè sono patologie che possono venire trasmesse all'uomo, ossia sono zoonosi.

Vaccinare significa rendere il sistema immunitario in grado di proteggere il paziente da virus o batteri che, oltre a mettere a rischio la vita del cane o gatto, richiedono spesso notevoli spese veterinarie.

E' importante specificare che la vaccinazione va effettuata anche su animali che non escono di casa, come spesso accade ai gatti. Questi pazienti, anche se isolati dagli altri della propria specie, si possono comunque ammalare grazie ai virus e batteri che vengono veicolati in modo indiretto ad esempio dalla persone o da oggetti.

Distinguiamo vaccinazioni principali, che immunizzano verso malattie molto pericolose in termini di mortalità o di alta infettività e diffusibilità (ad es. il Cimurro e la gastroenterite virale) e vaccinazioni accessorie ( Laringo tracheite infettiva, epatite infettiva, leptospirosi ecc) che andranno consigliate dal veterinario secondo il reale rischio a cui è esposto il soggetto.



 

Le vaccinazioni del CANE : Le infezioni virali per cui possiamo vaccinare sono: Cimurro, Gastroenterite Emorragica o Parvovirosi, malattie da Adenovirus ( Epatite infettiva e Laringotracheite infettiva o Tosse dei Canili), Coronavirus (Paraifluenza), Rabbia. Tra le batteriche: Leptospirosi.

L’immunizzazione va eseguita in maniera differente sugli animali adulti rispetto ai cuccioli, a causa del diverso grado di competenza del sistema imunitario. I cuccioli, essendo giovani, non riescono a sviluppare immunità adeguata verso più agenti infettivi, quando questi siano presentati contemporaneamente. E' lo stesso nei bambini, in cui le vaccinazioni vengono fatte separatamente.

Nei cuccioli siamo soliti iniziare il programma vaccinale non prima dei 45 giorni, a causa della persistenza degli anticorpi materni nelle primissime settimane di vita, che potrebbero rendere inefficace la vaccinazione. A questa età, valutato lo stato di salute del cucciolo, si esegue una prima vaccinazione ad alto titolo, di solito contro la gastroenterite virale. Dopo alcune settimane si effettuerà una seconda inoculazione, questa volta con un vaccino a valenze multiple, che verrà ripetuto dopo tre settimane. In situazioni epidemiologiche particolari, il veterinario potrà ritenere di volta in volta l' applicazione del protocollo più adatto alla situazione specifica. Da qui in poi si seguirà il protocollo vaccinale per gli adulti, che comprende una sola vaccinazione una volta l'anno, con un vaccino polivalente. Nei soggetti a rischio, ossia quelli che possono facilmente venire a contatto con acque stagnanti o con roditori selvatici, si aggiunge il vaccino contro la leptospirosi ogni sei mesi.

Gli adulti, quindi, effettuano un solo vaccino polivalente annuo che comprende tutte le patologie sopraelencate, e un richiamo per la leptospirosi ogni sei mesi, se consigliato.

La Rabbia è una malattia la cui vaccinazione è obbligatoria solo per l’estero e in alcune regioni italiane, e bisogna che venga effettuata almeno un mese prima della data di partenza verso questi luoghi, ma non più di un anno prima. pertanto è consigliabile informarsi di volta in volta prima di programmare viaggi con i nostri amici a quattro zampe.

 

Example pic

 

Le vaccinazioni del GATTO: Sono anch’esse mirate alla prevenzione di malattie virali e batteriche. Tra le virali è importante ricordare: L’Immunodeficenza felina, la Leucemia felina, La Panleucopenia , La Calicivirosi, La Rinotracheite felina, l'Hrpesvirosi felina e la Rabbia. Tra le batteriche ricordiamo la Clamidiosi e la Bordetellosi. Consideriamo fondamentali le sia le vaccinazioni verso la Panleucopenia felina sia quelle verso il complesso delle malattie respiratorie del gatto (Calicivirosi ed Herpervirosi) .

Essendo fondamentali le includiamo in quello che solitamente viene chiamato piano vaccinale di base, e che prevede, per i gattini, una vaccinazione trivalente al 60° giorno di vita, seguita da un richiamo dopo tre settimane con un vaccino identico al primo.

Nei gatti adulti regolarmente vaccinati è sufficiente un solo richiamo una volta l’anno.

Le vaccinazioni verso altre malattie quali Leucemia felina, Clamidiosi e bordetella bronchiseptica sono consigliate solo in determinate situazioni di alto rischio di esposizione, come nel caso di soggetti adulti non sterilizzati che possono venire a contatto con gatti randagi.

 

 

 

Ambulatorio Veterinario Alba, Dir. San. Dott.ssa Valeria Valerii, n° Iscr. Albo 426 (TE), via G. De Benedictis, 26, 64100 (TE) - tel. 0861.190646