Orario:

Lun 9.00 - 12.00 / 15.00 - 19.00 ......................Mercoledì - intera giornata e Sabato mattina: Per appuntamento

Mar 9.00 - 12.00 / 15.00 - 19.00 ...........................................................

Gio 9.00 - 12.00 / 15.00 - 19.00

Ven 9.00 - 12.00 / 15.00 - 19.00

 

 

 

 

 

 

I parassiti sono una delle cause più frequenti, ma anche più facilmente evitabili, dei problemi del cane e del gatto. Non vedere parassiti non significa che non ve ne siano, per cui gli animali vanno protetti con un antiparassitario, che deve essere utilizzato durante tutto l'anno, come prevenzione e non come cura alle infestazioni. I parassiti che possono colpire i nostri amici si possono dividere in parasiti esterni ed interni.

 

I PARASSITI ESTERNI sono principalmente; le pulci, le zecche, gli acari ed i flebotomi.

 

Le pulci sono parassiti che si nutrono del sangue dei nostri animali durante tutto il loro ciclo vitale. La pulicosi si manifesta con vari gradi di prurito, che può essere molto intenso anche in presenza di poche pulci, a causa di possibili reazioni allergiche alla saliva iniettata dal parassita prima di effettuare il pasto di sangue. Oltre al danno diretto causato dalla loro alimentazione, le pulci possono causare indirettamente varie patologie, e trasmettere parassiti intestinali. Quando il cane viene infestato dalle pulci, le porta sul suo mantello all'interno dell'ambiente nel quale vive, e nel quale queste si riprodurranno. Amano infatti deporre le uova nelle piccole fessure di pavimenti a mura, risultando quindi in una infestazione ambientale. Le pulci possono raramente alimentarsi anche dall'uomo, e sono presenti durante tutto l'anno. La prevenzione della pulicosi deve essere quindi fatta applicando regolarmente prodotti antipulci.

 

Le zecche sono parassiti ematofagi, responsabili, oltre che di eventuale anemia, di numerose altre patologie. Veicolano numerosi agenti eziologici di malattie zoonotiche, come Ehrlichia canis, Rickettsia rickettsii etc. Sono presenti quasi esclusivamente d'estate, al contrario delle pulci, e sono particolarmente numerose nei prati ai quali hanno accesso le greggi di pecore. A causa del ruolo di vettori, la prevenzione è imprescindibile.

 

Gli acari sono responsabili delle rogne. Vivono sulla e nella pelle del cane e del gatto, nutrendosene. Possono essere presenti anche all'interno del canale auricolare, causando fastidio ed otite. L'otoacariasi è molto frequente, sopratutto nei gatti randagi e negli animali che possono venire a contatto con questi ultimi. Gli acari sono di diversi tipi, alcuni dei quali possono colpire anche l'uomo.

 

I flebotomi sono piccoli insetti pungitori simili alle zanzare, nel cui apparato digerente può essere presente un parassita, la leishmania. Questa se trasmessa al cane durante il pasto di sangue, è responsabile di una patologia molto grave, la leishmaniosi. Purtroppo questo parassita è presente in tutto l'Abruzzo e in molte altre regioni, ed è in continua espansione. Molto spesso il cane affetto non mostra sintomi per lunghi periodi, fino a che non si instaura una sintomatologia che comprende un insieme di sintomi a volte molto vaghi. Dato che una delle sequele più frequenti di questa malattia è l'insufficienza renale, a volte la comparsa dei sintomi si accompagna ad una coinvolgimento rilevante di stutture che non potranno mai tornare alla normalità. Per questo è consigliabile effettuare analisi di screening una volta l'anno, per poter eventualmente intervenire anche nei soggetti ancora sintomatici, allungandone la vita e migliorandone la qualità. La leishmania è una patologia trasmissibile all'uomo, tramite morso di flebotomo infetto ma non tramite il normale contatto con un cane malato.

 

Per quanto riguarda i PARASSITI INTERNI, si tratta per lo più di vermi presenti nell'intestino, le cui uova vengono eliminate attraverso le feci. Solitamente le uova non sono particolarmente visibili, e l'eliminazione delle forme adulte avviene soltanto in animali molto parassitati. Per evitare la reinfestazione dopo i trattamenti, è necessario seguire alcune regole basilari, come evitare di somministrare carne cruda agli animali, ed effettuare il consueto trattamento antielmintico annualmente o ogni sei mesi nei soggetti a rischio. Alcuni dei parassiti interni del cane e del gatto possono trasmettersi per via oro - fecale all'uomo, per cui è consigliabile applicare le normali regole igieniche.

 

 

 

 

Ambulatorio Veterinario Alba, Dir. San. Dott.ssa Valeria Valerii, n° Iscr. Albo 426 (TE), via G. De Benedictis, 26, 64100 (TE) - tel. 0861.190646