Orario:

Lun 9.00 - 12.00 / 15.00 - 19.00 ......................Mercoledì - intera giornata e Sabato mattina: Per appuntamento

Mar 9.00 - 12.00 / 15.00 - 19.00 ...........................................................

Gio 9.00 - 12.00 / 15.00 - 19.00

Ven 9.00 - 12.00 / 15.00 - 19.00 .........................................................

 

 

 

 


Example pic

 

La Detartrasi

 

La detartrasi negli animali domestici non è una semplice finalità estetica, ma ha una grande importanza nella prevenzione di patologie gravi, come l'endocardiosi batterica o l'osteomielite.

 

Il tartaro è un insieme di depositi minerali fortemente adesi ai denti e colonizzati da batteri, presente non solo sulla superficie visibile del dente, ma al di sotto delle gengive, nelle tasche parodontali. L'infiltrazione del tartaro causa la Malattia Parodontale, diagnosticata su 4 soggetti su 5 dopo i 3 anni d'età. Le gengive, colpite da questa patologia, si infiammano e si retraggono, esponendo la radice del dente e portando alla distruzione dell'osso. La deposizione del tartaro dipende dall'acidità della saliva, per questo in alcuni soggetti è molto più imponente che in altri. Mediamente, il motivo per cui i pazienti affetti da malattia parodontale vengono portati a visita è l'alitosi, o la difficoltà che incontrano nel masticare materiale consistente. Altre volte, la diagnosi viene fatta su soggetti portati a visita per altri motivi. In realtà, alitosi e difficoltà nella masticazione non sono che una piccola parte dei problemi che il tartaro può causare. Sono frequenti anche ascessi, infezioni dentali, osteomielite (infezione dell'osso), perdita dei denti, disseminazione dei batteri nei vari organi.

 

La possibilità di endocarditi batteriche aumenta in maniera significativa nei soggetti con malattia parodontale.

 

Come si esegue la detartrasi? Nel cane e nel gatto la detratrasi deve essere eseguita in anestesia, rimuovendo non solo il tartaro presente sulle superfici visibili, ma anche e sopratutto quello infiltrato nelle tasche parodontali, che causa la maggior parte dei problemi. Viene somministrato un antibiotico nei giorni immediatamente precedenti e successivi all'inervento, per minimizzare l'effetto di disseminazione batterica. Come in tutti i casi in cui il paziente viene messo in anestesia è necessario osservare un breve digiuno preoparatorio. Per rallentare la deposizione del tartaro dopo la pulizia dentale, è possibile e consigliabile instaurare un programma di igiene dentale, con l'auito di dentifricio per cani e spazzolino, come anche di prodotti che normalizzino il ph della saliva.

 

 

.....................

 

 

A sinistra prima della pulizia, a destra dopo la pulizia. E' evidente l'esposizione delle radici dentali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ambulatorio Veterinario Alba, Dir. San. Dott.ssa Valeria Valerii, n° Iscr. Albo 426 (TE), via G. De Benedictis, 26, 64100 (TE) - tel. 0861.190646